‘Che Prato!’ è il progetto per garantire più differenziata e più decoro - Alia Servizi Ambientali Spa

31/07/2023

‘Che Prato!’ è il progetto per garantire più differenziata e più decoro

Una Prato sempre più pulita, circolare e sostenibile, accogliente e vivibile. Con l’impegno di tutti. Per promuovere il decoro urbano e migliorare la qualità della raccolta differenziata, Alia Servizi Ambientali, in collaborazione con l’amministrazione comunale, ha lanciato il progetto ‘Che Prato! Più raccolta differenziata, più decoro’. Conclusa una prima fase di ascolto partecipato, è partita una campagna di comunicazione e informazione ricca di attività sul territorio, con l’obiettivo di accrescere la consapevolezza e il coinvolgimento dei cittadini sui temi della sostenibilità ambientale e dell’economica circolare.

“Che Prato!” è un progetto che per circa un anno prevederà attività di informazione, ingaggio della cittadinanza, animazione, confronto su due obiettivi principali: il mantenimento del decoro e la raccolta differenziata. Il Comune di Prato è già arrivato a superare il 72% di raccolta differenziata, generando un flusso importante di materiali riciclabili che vengono avviati al recupero e trovano nuova vita’, commenta Giuseppe Meduri, direttore relazioni esterne, comunicazione e sostenibilità di Alia Multiutility Toscana.

Le aree coinvolte dal progetto sono principalmente tre: centro storico, Macrolotto Zero e grandi condomini con criticità, ma non mancheranno attività educative nelle scuole, laboratori di riciclo creativo e appuntamenti informativi. Per quanto riguarda il centro, durante i giovedì di luglio sono state proposte attrazioni itineranti e qui il progetto ripartirà dopo l’estate in concomitanza con gli appuntamenti di ‘Settembre Prato è Spettacolo’.

“Il lavoro fatto da Alia in questi anni ha sempre avuto il pregio di adeguarsi alle esigenze emerse zona per zona e periodo per periodo’, dice Matteo Biffoni, sindaco di Prato. ‘Una città pulita è più bella e vivibile, ma la si ottiene soltanto con la collaborazione di ogni singolo cittadino’.

Back to top